E Liberaci Dai Tabù: Anybeat

C’è un nuovo social network. (Sì, un altro). Si chiama Anybeat.
Ci si iscrive con uno pseudonimo – o almeno si è incoraggiati a farlo.
In questo modo, secondo il suo creatore Dmitry Shapiro, le persone saranno stimolate a parlare di argomenti tabù, che su Facebook o Google + non osano affrontare (frenati dall’esposizione della loro vera identità). E a spingersi un po’ oltre, protette dall’anonimato.
Come dire: lancia il sasso, ma nascondi la mano? No, c’è un sistema di feedback tipo Ebay, per avere quel minimo di credibilità (ed evitare il degenero).
Mi sono subito iscritta:
Schermata home
Ora non mi resta che aspettare che si iscrivano in tanti. Conoscenti non ne invito, ovvio, chè qua voglio folleggiare senza remore. Ha ragione Shapiro, ogni essere umano ha diversi bisogni: comunicare con persone conosciute, comunicare con persone sconosciute… servono diversi canali, diverse iscrizioni. Ma perchè limitarsi? Io suggerisco anche che la stessa persona possa iscriversi con più pseudonimi, uno per ogni lato della sua personalità. Una selva di Es e Superego.
Sono eccitata all’idea che presto avrò stimolanti conversazioni come nella vita vera o su Facebook non mi capiterebbe mai – a meno che, secondo logica, non partecipassi a un ballo in maschera. Mi sento un po’ come in una chatroom nel 1999. Così libera e audace.
Pensare che avevo aperto questo blog con uno pseudonimo non per scrivere coraggiose denunce o affrontare temi scomodi, ma perchè, infantilmente, mi sembrava più simpatico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...