Come far incazzare un blogger: l’affaire TT

Strano posto, la blogosfera.

Il nome, intanto. Ci avete mai pensato? Blogosfera sembra il nome di una lampada di design anni ’80 fuori catalogo. Poi, non so a voi, ma a me il concetto di sfera mette l’ansia – non solo da quando ho visto l’omonimo film con Sharon Stone (era il 1998). Mi dà l’idea di claustrofobico; una enorme boccia piena di pesci, non muti, ma che parlano troppo (il risultato è lo stesso). Anzi, forse più che pesci sono uccellini impazziti che si tweetano addosso continuamente (e magari, ogni tanto, si beccano).

Prendiamo quello che è successo pochi giorni fa. Non so se ve ne siete accorti (spero di no, o inizio a perdere la stima nei vostri confronti). Twitter, qualche giorno fa, è impazzito. I trending topics – le paroline chiave, che di solito indicano ciò di cui si sta parlando forsennatamente – erano tutti di questo tenore:

Dovendo passare parecchio tempo su internet, io me ne ero accorta. In pratica, i bimbiminkia (così i blogger chiamano affettuosamente i teenager) hanno trovato il modo di far impazzire i trending topics, retweetandosi a manetta un test con domande/afferrmazioni tipo “Ti piacerebbe vivere a Bari” o “ Gaga is our Queen”. Se volete saperne di più, leggete qui.

Ma quello che mi ha colpito di tutta questa storia è stata proprio la reazione della suddetta blogosfera. Molti blogger si sono sentiti, come dire, offesi. Hanno trovato svilito lo strumento Twitter, reo di essersi massificato. Si sono scagliati contro l’algoritmo di Twitter dicendo che va rivisto. Caterina Policaro sostiene che “l’informazione è manipolabile” e su questo sono d’accordo. (La stessa Catepol sostiene la necessità di #occupytwitter mettendo in piedi dei bot come contromossa.)

E va bene: prendiamo coscienza del mezzo, attuiamo contromosse. Tuttavia, fatico a vederci complotti. Se i “bimbiminkia” hanno voluto divertirsi, non vedo la necessità di fermarli “dall’alto”. In fondo si tratta di TT, non del Vangelo. I “giocattoli” sono di tutti: non era questo il bello della rete?

E poi lo sappiamo tutti che un bel gioco dura poco: ignoriamoli. Secondo me si stuferanno da soli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...